Figure retoriche: un’arma vincente per il public speaking

Figure retoriche: cosa sono e perché usarle.

Le figure retoriche sono artifici linguistici con cui si creano particolari effetti.

Questi effetti sono davvero un’arma vincente per parlare in pubblico in modo efficace e accattivante.

Io faccio fatica a ricordarne il nome (ce ne sono un’infinitĂ ) ma ne faccio largo uso 🙂

Si distinguono 3 tipi principali di figure retoriche:

  • del suono, quando gli effetti riguardano il suono delle parole.
  • dell’ordine, quando gli effetti si ottengono intervenendo sulla struttura della frase e sull’ordine delle parole.
  • del significato, quando gli effetti giocano con il concetto che la parola comunica, l’effetto è prodotto da un uso particolare e inconsueto del significato delle parole.

Dentro queste “famiglie” principali troviamo numerose figure retoriche.

Ti consiglio di utilizzarle nei tuoi discorsi ma anche quando scrivi.

Queste sono le mie preferite:

  1. Metafora: la sostituzione di un termine proprio con uno figurato “Sei un leone” invece di “sei forte”.
  2. Allitterazione: la ripetizione di un suono o una serie di suoni “bravo bravissimo”. L’allitterazione è molto usata anche nel marketing “Peg Perego”.
  3. Litote: la negazione di un’espressione di senso contrario “Non mi sento molto bene”. E’ una figura retorica molto utile quando si vuole attenuare un giudizio “un danno non indifferente”.
  4. Climax: il crescendo di intensitĂ  di un discorso “il panorama era bellissimo, emozionante, mozzafiato”.

Ora non ti resta che provare!

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *