Trasforma le idee in progetti

Quante idee ti vengono in mente e quante di queste riesci a realizzare?

Idee buone, meno buone, idee da sviluppare. Arrivano all’improvviso e poi si dissolvono. E dopo un po’ scopri che qualcun altro le ha realizzate, magari con successo!

Bene, a me è capitato spesso, soprattutto in passato. Ora non mi accade più…o quasi…

Tranquilli, tranquilli, non sono diventata una super-guru, anche perché quel quasi vi ha già fatto capire che non ho supersegreti o superformule magiche.

Tuttavia l’esperienza mi ha insegnato che le idee che rimangono nella testa poi si dissolvono o vengono realizzate da altri. Spesso ciò avviene per questi 2 motivi:

  • Rimandiamo

Ci inventiamo scuse di ogni tipo perché abbiamo timore o perché vogliamo che l’idea sia perfetta prima di iniziare a realizzarla.

Il risultato è che qualcun altro nel frattempo la realizza oppure quando ci decidiamo è troppo tardi.

  • Ne parliamo subito a tutti

Parliamo subito dell’idea a persone care, ad amici, a colleghi…e loro puntualmente ci smontano. Soprattutto quando l’idea è legata ad un ambito professionale, non è strategico parlarne con una persona cara se questa non è del mestiere. Le persone care tendono a proteggerci e quando abbiamo idee che magari prevedono una nostra esposizione, è normale che cerchino di dissuaderci, soprattutto se non sanno neanche di cosa stiamo parlando.

Il risultato anche questa volta è che o qualcun altro realizzerà la nostra idea o non ci sembrerà più una buona idea. Se per caso ne abbiamo parlato con uno pseudo amico è anche facile che l’idea ci venga rubata, ahimé.

Ora vi racconto cosa ho imparato a fare:

prendo un foglio bianco e traduco l’idea in parole scritte

Poi rileggo con attenzione e seguo questo schema:

  1. che attività devo svolgere per realizzare l’idea?
  2. posso farla da sola o mi servono collaboratori?
  3. ho le competenze necessarie o devo acquisirle?
  4. quanto tempo mi servirà?
  5. dovrò affrontare dei costi?

Rispondendo a queste semplici domande la mia idea inizia a prendere forma. A volte succede che si trasformi o si sviluppi in modo diverso, ma questo è positivo perché, se ci pensate, significa che si sta già realizzando.

Il passo successivo è il progetto, ma senza questo primo passaggio non si passa mai all’azione e le idee sono destinate a dissolversi.

Ricordate il paradigma di Stephen Covey? “Le cose vengono create 2 volte: prima mentalmente e poi fisicamente”.

Scrivete, elaborate e poi un passo alla volta le vostre idee si trasformeranno in progetti.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *