Lavorare in un call center: un’ottima palestra

Lavorare in un call center è un’ottima opportunità per entrare nel mondo del lavoro.

Ho detto molte volte che lavorare in un call center non è così tremendo come si vuol far credere.

Molte persone vivono dignitosamente facendo questa professione ed è di sicuro un mestiere da prendere in considerazione.

In questo post voglio però fornire un altro punto di vista.

Lavorare in un call center è un ottimo allenamento per entrare nel mondo del lavoro.

Leggendo molti libri di business e marketing mi sono accorta che fuori dall’Italia molti esperti di marketing o di vendita sono partiti da un’esperienza di lavoro al telefono.

E allora sfatiamo i luoghi comuni su questa professione!

Cosa si impara lavorando in un call center?

  1. Comunicare. Il notevole numero di chiamate e la diversità di tipologia di cliente porta ad acquisire la capacità di interagire con persone di età diverse, di livello culturale diverso e di carattere diverso.
  2. Metodo. Sia in inbound sia in outbound, il lavoro nei call center è monitorato attraverso una serie di parametri da rispettare (Kpi). Questo modo di lavorare fa acquisire la capacità di crearsi un metodo di lavoro.
  3. Distacco. Chi lavora in un call center riceve spesso insulti o aggressioni verbali da parte dei clienti. Questo è di sicuro un aspetto negativo di questo lavoro, ma se si impara a gestirlo, si acquisisce la capacità di mantenere la calma in situazioni di difficoltà. Si impara a distaccarsi e a capire che non c’è nulla di personale.
  4. Dialettica e uso della voce. Al telefono si comunica solo attraverso le parole e la propria voce. Imparare a comunicare bene al telefono è davvero un’ottima palestra per chi vuole lavorare nel mondo del marketing o della comunicazione. Ho visto molti operatori diventare ottimi commerciali.

Questi sono i vantaggi principali ma ce ne sono molti altri.

Nel corso della mia carriera lavorativa ho conosciuto molti operatori.

Alcuni svolgono ancora questa professione con soddisfazione, altri hanno intrapreso carriere diverse.

C’è chi ha una web agency, chi è diventato psicologo, chi fotografo, chi ha aperto un bar, chi fa il musicista, chi ha aperto un suo call center… Quando li incontro tutti mi dicono che l’esperienza nel call center è stata preziosa per intraprendere l’attività che svolgono ora.

Lavorare in un call center fa crescere i muscoli!

Come dice Bobby Axelrod in un episodio della serie tv Billions:

La maggior parte di chi inizia a lavorare nei call center pensa di dover convincere a dire di sì
ma il modo in cui la vedevo io (che mi è valso una Porsche nel primo anno)

è non dargli motivo di dire no


perché se togli il No dal tuo vocabolario


sì è l’unica parola che rimane

Lavorare in un call center insegna a superare i NO 😉